…OLI

13 Marzo 2017

Prenditi un minuto di tempo per sapere un po’ di più riguardo gli oli che nutrono la tua pelle!

​Migliaia​ di anni fa, l’uomo sfruttava il potere curativo di piante ed erbe… ma con l’avvento della medicina moderna questa conoscenza è stata quasi dimenticata. Solo negli ultimi anni, le cure naturali sono tornate in auge.
L’Arnica, l’Iperico e la Calendula sono alcune delle piante che grazie ai loro effetti sorprendenti, vengono usate moltissimo​
nelle applicazioni estetiche e nel benessere.

24 Gennaio 2017

Prenditi un minuto di tempo per saperne un po’ di più riguardo gli oleoliti.

cos’è un oleolito?
L’oleolito è un olio vegetale prodotto dalla macerazione di una o più piante. La pianta, lasciata riposare qualche giorno nell’olio, rilascia tutte le sue proprietà rendendo l’olio profumato e ricco del suo principio attivo…
…OTTIMO PER UN BUON MASSAGGIO !
vuoi fare un oleolito?
E’ SEMPLICE!
scegli l’olio dove lascerai macerare la pianta.
Può essere: olio di girasole, olio di mandorle dolci, olio di rosa mosqueta, olio di oliva….(il migliore è l’olio extra vergine di oliva biologico, poiché molto resistente all’ossidazione e con grandi proprietà cosmetiche).

Per creare un oleolito occorre scegliere la pianta il cui principio attivo sia liposolubile (es. Calendula, Basilico, Camomilla, Lavanda…).

DELLA PIANTA SCELTA PUOI UTILIZZARE FOGLIE, FIORI O CORTECCIA.
(In allegato trovi la tabella per sapere che parte utilizzare di ogni pianta)

Una volta scelti olio e pianta, trova un barattolo con chiusura ermetica (es. barattolo di marmellata, miele ecc..) abbastanza grande da contenere la quantità di fiori o foglie che hai raccolto e ricoprile di olio (meglio riempire tutto il barattolo in modo che ci sia meno aria possibile e quindi meno rischio di ossidazione).

Se il barattolo è di vetro trasparente avvolgilo con della carta di giornale.

Lascia macerare il tutto per circa due settimane alla luce diretta del sole. Trascorse le due settimane apri il barattolo e filtra l’olio in un altro contenitore con coperchio, strizzando bene i fiori o le foglie dall’olio che avranno assorbito. Dopo due giorni rifiltra utilizzando una garza, in modo da avere un olio limpido.

L’OLELITO E’ PRONTO ALL’USO!
BUON MASSAGGIO!